LITURGIA -DIC Copia - Chiesa a Villa Borghese Roma

IMMACOLATA
a villa borghese
Chiesa di
Santa Maria
Immacolata
Rettoria a villa borghese
a Villa Borghese
Immacolata
SANTA MARIA
Santa Maria
Rettoria
RETTORIA
a Villa Borghese
a VILLA BORGHESE
Vai ai contenuti
LITURGIA * LITURGIA DELLE "ORE" * I PADRI DELLA CHIESA *LE ICONE DEL MESE

liturgia
Da selezionare in questa pagina
L'anno liturgico è la celebrazione della vita di Gesù distribuita nell'arco di un intero anno.
"l'anno liturgico è composto dal ciclo delle stagioni liturgiche, le quali determinano le feste da osservare, le celebrazioni dei Santi, e i passi delle Sacre scritture da leggersi nelle celebrazioni."


Si inizia con il
tempo di Avvento
è effettivamente l'inizio del nuovo anno liturgico, ovvero, un tempo di speranza e di preghiera in attesa della venuta di Gesù Cristo che si compirà con la sua nascita, il 25 di dicembre.
Nel 2020, l'Avvento comincia domenica 29 novembre e dura quattro settimane durante le quali si rimane in attesa della nascita di Gesù.
La festa del Natale risale alla prima metà del IV secolo, ma solo nel VI secolo è stato creato un tempo di preparazione, di riflessione e di penitenza.
Infatti, l’Avvento, come dice il nome, è un tempo di attesa della venuta del Signore. La prima parte è orientata all’annunciazione, la seconda è concentrata sulla nascita del figlio di Dio. Tempo di attesa e di speranza ma anche di ascolto e riflessione sul regno di giustizia e pace inaugurato dalla venuta del Messia.
In questo contesto avviene la solennità dell’Immacolata Concezione, a Lei è dedicata la nostra chiesa, che sottolinea come l’opera del Salvatore inizia santificando la Madre fin dal suo concepimento.
Il colore che contraddistingue il periodo dell'Avvento è il viola.


Segue il
tempo natalizio
È nato per noi Gesù, il Salvatore!
La nascita di Gesù, il Salvatore:
      • dono del Padre (Natale).
      • la sua salvezza viene donata a tutti i popoli della terra, rappresentati dai Magi (Epifania).
Perché facciamo festa a Natale? A Natale facciamo festa perché Dio Padre ha tanto amato tanto gli uomini da donare il suo Figlio Gesù.
Natale è la festa di Gesù, il Salvatore.
Quando noi pronunciamo il nome di Gesù non ci rivolgiamo a uno dei più grandi personaggi del mondo, ma al Figlio di Dio: «Egli è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza» (Eb 1,3).


IPOTESI SULL’ORIGINE DEL NATALE
Non esiste una tradizione autorevole che attesti la data di nascita di Gesù.
Se secondo la maggioranza degli storici, l’anno di nascita può essere collocato tra il 7 e il 4 a.C., sul mese e il giorno non vi è alcun dato certo. Nei secoli la questione ha dato vita a ipotesi varie e contrastanti circa la sua collocazione temporale L’avvento del Natale cristiano.
Gesù nacque sotto l’Imperatore Cesare Augusto. Questi non poteva essere ancora vivo nell’anno 1 (l’anno 0 non esiste).
La data fu scoperta errata dal monaco Dionigi il Piccolo, che nel 527 calcolò la data esatta della nascita di Cristo. Dionigi introdusse quindi l’usanza di contare gli anni "ab Incarnatione Domini nostri Iesu Christi". Questa usanza si diffuse in tutto il mondo cristiano entro l’VIII secolo.
Con la numerazione di Dionigi la fondazione di Roma sarebbe avvenuta nel 754 a C., mentre Cristo sarebbe nato nell'anno zero, cioè 754 anni dopo la fondazione di Roma. Però questo dotto monaco sbagliò i suoi calcoli di alcuni anni.
Punto di partenza è la certezza della data della morte di Erode l'anno 750 dalla fondazione di Roma, corrispondente al 4 a.C..
La nascita di Gesù avvenne certamente prima di questa morte, dato che Erode voleva uccidere il Bambino. Per cui è impossibile che Gesù sia nato nell'anno zero ma qualche anno prima. Quando precisamente? Nel 6, 5, 4 a. C. n.?
Viene in aiuto il noto censimento del senatore Quirinio (morto nel 21 d.C.) che fu governatore della Siria una prima volta dal 12-8 a.C. Luca attribuisce il primo censimento a Quirinio. Ci sono due date per stabilire l'anno della nascita di Gesù: il censimento di Quirinio e la morte di Erode. La nascita non poté avvenire dopo il 750 di Roma, ma almeno un anno e mezzo prima, quindi verso il 748, intervallo tra la nascita di Gesù e la morte di Erode; l'altra data è la missione di Quirinio in Siria: la nascita non dové avvenire prima del 746 di Roma (= 8 a.C.). Quindi le due date sono: tra il 746 ed il 750 a.C. (cioè tra l'8 ed il 4 a.C.;).
Presumibilmente quindi la nascita di Gesù avvenne tra il 7 od il 6 a.C.

I PRIMI SECOLI – Il Natale non è presente tra i primi elenchi di festività cristiane di Sant’Ireneo e Tertulliano. Nel calendario liturgico la data del 25 dicembre fu fissata con certezza dal IV secolo. In verità, all’inizio non si celebrava la nascita di Cristo il 25 dicembre, ma il 6-7 gennaio nel giorno dell’Epifania (dal greco epiphàneja: manifestazione, comparsa, apparizione, nascita).
 In mancanza di una tradizione autorevole circa la nascita di Gesù, il 25 dicembre venne scelto perché così i cristiani poterono opporre e sovrapporre alla festa pagana della nascita dio Sole. Infatti nella antica Roma il 25 dicembre era la festa dei Lupercali, la festa della luce, la festa del Sol Invictus, il Sole nascente di nuovo, in onore della divinità Mitra, vincitrice delle tenebre. Da notare che i romani, secondo le conoscenze astronomiche del tempo, credevano che il solstizio d'inverno cadesse il 25 dicembre. Così venne presa questa data per significare la Luce che viene nel mondo, cioè Gesù Cristo.
Inoltre, sul fatto che il Natale venga festeggiato il 25 dicembre vi sono altre ipotesi. Quella più accreditata vede la data del Natale come conseguenza di quella dell’Annunciazione, il 25 marzo.
Si riteneva infatti che l’equinozio di primavera, giorno perfetto in quanto equilibrato fra notte e giorno, fosse il più adatto per il concepimento del redentore. Da qui la data del Natale, nove mesi dopo.
Del resto, il sorgere del sole e la luce sono simboli usati spesso nella Bibbia. Ad esempio nel vangelo di Luca, Zaccaria, il padre di Giovanni Battista, descrive la futura nascita di Cristo, come „verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge”.
Il Natale, nel periodo dell’anno in cui il giorno comincia ad allungarsi, potrebbe essere legato a questo simbolismo.
 

NUOVA EDIZIONE DEL MESSALE ROMANO: LE NOVITA'
E' ucito il nuovo MESSALE ROMANO.
Infatti, il MESSALE ROMANO ha nuova traduzione in italiano della terza edizione tipica - in latino - del Messale Romano scaturito dal Concilio Vaticano II.
Il nuovo Messale Romano diventerà obbligatorio dalla prossima Pasqua, ossia dal 4 aprile 2021.
Dal prossimo 29 novembre, Prima Domenica di Avvento, è fcoltà di introdurre la nuova versione per favorire la diffusione e la comprensione delle novità presenti.
Non cambia la Messa dal 29 novembre, cambiano alcune formule con cui viene celebrata l’Eucaristia.
Pertanto, fino a Pasqua, ogni domenica dedicheremo qualche momento alla nuova traduzione per valorizzare la liturgia  della Eucarestia.
 
Infatti, fra le novità introdotte quelle sul Padre Nostro: non diremo più «e non ci indurre in tentazione», ma «non abbandonarci alla tentazione». Inoltre, sempre nella stessa preghiera, è previsto l’inserimento di un «anche» («come anche noi li rimettiamo»).
 Altra modifica riguarda il Gloria dove il classico «pace in terra agli uomini di buona volontà» è sostituito con il nuovo «pace in terra agli uomini, amati dal Signore».

LINGUAGGIO “CORRETTO”
Per quanto riguarda il Confiteor (“Confesso…”) durante l’atto penitenziale, dove si diceva “Confesso, a Dio onnipotente e a voi fratelli…”, dovremo dire “Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle...“. Il termine “sorelle” viene inserito anche in altre preghiere dove il Celebrante diceva solamente “fratelli”.
Così anche nell’invito del Celebrante dopo la presentazione dei doni, dove si dirà: “Pregate fratelli e sorelle, perché il mio e vostro sacrificio sia gradito…”. Così nel ricordo dei defunti: “Ricordati anche dei nostri fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della risurrezione”.

Queste sono le principali variazioni che riguardano il popolo e quindi dovranno essere “imparate” da tutti.
Altre modifiche riguardano le parole pronunciate dal sacerdote, ad esempio nelle Preghiera eucaristica.
Le variazioni giungono al termine di un percorso durato oltre 17 anni. Un arco temporale in cui «vescovi ed esperti» hanno lavorato al miglioramento del testo sotto il profilo teologico, pastorale e stilistico.
SCORRI PER CONOSCERE LE NOVITA'
LITURGIA delle "ORE"
prega con la liturgia
Liturgia Cei        oppure lachiesa.it          oppure prega con audio  



La Liturgia delle Ore nasce dall’esortazione di Gesù a pregare sempre,
La Liturgia delle Ore sancisce un momento di dialogo fra Dio e gli uomini.
La Liturgia delle Ore si compone fondamentalmente della lettura della Parola di Dio e di Salmi diversi a seconda dei giorni e dell’orario.

Tutte queste preghiere comuni, suddivise nell’arco della stessa giornata, furono ordinate e andarono a formare la Liturgia delle Ore o Ufficio divino, una preghiera di lode e supplica della Chiesa con Cristo e a Cristo, arricchita di letture bibliche, cantici e inni.
La riforma di San Benedetto decretò la regola da applicare a questa consuetudine, stabilendo le diverse ore della giornata in cui i monaci dovevano ritrovarsi a pregare insieme, e le modalità.
L’usanza della Liturgia delle Ore si diffuse rapidamente anche al di fuori dei monasteri.
il Concilio Vaticano II ha decretato che, mentre i presbiteri e i vescovi devono praticare la celebrazione della Liturgia delle Ore nella sua forma integrale e i vescovi e i diaconi devono recitare le tre Ore maggiori, anche i fedeli sono tenuti a celebrare ogni giorno almeno le Ore canoniche.

SUDDIVISIONE
Le preghiere sono previste in diverse ore della giornata, articolata nelle ore canoniche.
Le due ore principali sono:
  • le Lodi Mattutine, che si celebrano all’inizio della giornata;
  • i Vespri, che si celebrano alla sera, solitamente all’imbrunire o prima di cena.

Struttura
La prima ora che si recita nella giornata (sia essa l’Ufficio delle Letture o le Lodi Mattutine) è preceduta dalla recita del salmo invitatorio con la sua antifona, che si ripete tra le strofe.
  • il Benedictus o Cantico di Zaccaria nelle Lodi;
  • il Magnificat o Cantico della Beata Vergine Maria nei Vespri.
* Si apre con un versetto (“O Dio, vieni a salvarmi” – “Signore, vieni presto in mio aiuto”, tratto dal salmo 69), a cui segue il Gloria al Padre.
* Poi un inno, tratto dalle composizioni poetiche di origine ecclesiale.
* Si continua con la recita di tre salmi:
Ogni salmo o parte di salmo è introdotto da un’antifona, che ha la funzione di orientare la preghiera al contenuto del salmo; al termine del salmo, salvo ove diversamente indicato, si recita la dossologia Gloria al Padre. L’antifona si recita di nuovo dopo il Gloria al Padre o comunque alla fine dello stesso salmo.
* Segue una lettura biblica con il suo responsorio.
Nelle LODI e nei VESPRI segue  un cantico tratto dal Vangelo:

Le Lodi si concludono con le invocazioni, e i Vespri con le corrispondenti intercessioni, a cui fa seguito il Padre nostro.
Tutte le ore terminano con l’orazione finale.
COMMENTO DEI PADRI DELLA CHIESA
dal Sermone di San Pietro Crisologo
Pietro Crisologo, Sermoni, 148
La nascita di Cristo non deriva da una necessità, ma dalla potenza di Dio... E` il sacramento del suo amore, che ridona la salvezza agli uomini.
Colui che ha fatto nascere l`uomo da una terra vergine, ha fatto nascere, con la propria nascita, un uomo da un corpo inviolato. La mano che aveva preso della terra per plasmarci, ha voluto assumere essa stessa la carne per rinnovarci.
Il Creatore nella creatura e Dio nella carne: è un onore per la creatura senza essere un disonore per il Creatore. Perché, uomo, hai poco valore ai tuoi occhi, mentre sei prezioso agli occhi di Dio? Perché ricerchi da quale materia sei stato tratto e non il senso della tua esistenza? Questa grande dimora che è il mondo visibile non è stata forse costruita per te?
Per te la luce scaccia le tenebre che ti circondano, limita la notte e misura il giorno. Per te il cielo si illumina al diverso chiarore del sole, della luna e delle stelle. Per te la terra è cosparsa di fiori, di foreste e di frutti. Per te fu creata così bella la stupefacente varietà degli esseri viventi nell`aria, nel campi e nell`acqua...
Ma il Signore vuole aumentare ancora la tua gloria.
Imprime in te la sua immagine, perché questa immagine visibile renda manifesta sulla terra la presenza del Creatore invisibile; ti ha dato il suo posto in questo mondo terrestre perché il grande regno di questo mondo non sia privo di un rappresentante del Signore...
E ciò che Dio ha creato in te con la sua potenza, ha avuto la bontà di assumerlo in sé. Ha voluto manifestarsi realmente nell`uomo, nel quale, fino a quel momento, era apparso soltanto in immagine. Ha concesso all`uomo di essere in realtà quello che prima era soltanto per somiglianza...
Per questo, Cristo ha assunto in sé infanzia e ha accettato di essere nutrito; si è inserito nel tempo per instaurare la sola età perfetta, l`età che rimane e che lui stesso aveva fatto.
Porta l`uomo perché l`uomo non possa più cadere; colui che egli aveva creato terrestre, ora lo fa divenire celeste. A colui che era vivificato da un`anima umana, dona la vita dello Spirito di Dio; lo trasporta interamente in Dio al punto che non resta più nulla in lui di tutto ciò che era peccato, morte, pena, dolore, di tutto ciò che era puramente terreno, in virtù dei meriti di nostro Signore Gesù Cristo che essendo Dio, vive e regna con il Padre nell`unità dello Spirito Santo, ora e sempre per tutti i secoli dei secoli.

San Pietro Crisogono. L’appellativo di Crisologo, termine greco che sta per «parola d’oro», se lo meritò per l’eloquenza con cui esponeva le verità di fede e si suppone che a darglielo fu l’imperatrice Galla Placidia. Pietro era originario di Imola e il suo padre spirituale fu il vescovo san Cornelio, che lo battezzò, lo formò e lo ordinò diacono. Del resto della sua giovinezza non sappiamo molto altro, mentre le più ricche notizie su di lui riguardano il periodo del suo ministero episcopale a Ravenna, elevata a sede metropolitana della Chiesa intorno al 431 e allora capitale dell’Impero romano d’Occidente.  Per i suoi sermoni (in cui il santo confuta le eresie, spiega efficacemente il mistero dell’Incarnazione e il Credo apostolico, esalta san Giovanni Battista e la Beata Vergine, ecc.), nel 1729 Benedetto XIII ha proclamato san Pietro Crisologo dottore della Chiesa.


CALENDARIO DEI SANTI
DICEMBRE
Martedì 1 Dicembre - S. Eligio Vescovo
Mercoledì 2 Dicembre - Ss. Bibiana e Barbara  Martiri
Giovedì 3 Dicembre - S. Francesco Saverio
Venerdì 4 Dicembre - S. Giovanni Damasceno          dottore della Chiesa
Sabato 5 Dicembre - S. Saba Abate
Domenica 6 Dicembre - S. Nicola  Vescovo
Lunedì 7 Dicembre - S. Ambrogio                      dottore della Chiesa

Martedì  8 Dicembre
Immacolata Concezione
                       Solennità
festa nella nostra rettoria

Mercoled' 9 Dicembre - S. Siro Vescovo.

Giovedì 10 Dicembre
Madonna di Loreto


Venerdì 11 Dicembre - S. Damaso I Papa.
Sabato 12 Dicembre - S. Giovanna Francesca Chantal

Domenica 13 Dicembre
S. Lucia  Vergine e martire.

Lunedì 14 Dicembre - S. Giovanni della Croce        Sacerdote e dottore
Martedì  15 Dicembre - B. Maria Vittoria de Fornari
Mercoledì 16 Dicembre - S. Adone                                 Vescovo.
Giovedì 17 Dicembre - S. Lazzaro                                   di Betania
Venerdì 18 Dicembre - Ss. Rufo e Zosimo                    Martiri.
Sabato 19 Dicembre - B. Urbano V Papa.
Domenica 20 Dicembre - S. Zefirino Papa.
Lunedì 21 Dicembre - S. Pietro Canisio                     dottore della Chiesa.
Martedì   22 Dicembre - S. Francesca Saverio Cabrini
Mercoledì  23 Dicembre - S. Giovanni da Kety
Giovedì 24 Dicembre - Ss. Irmina e Adele               
              Vigilia Natale                     
Venerdì 25 Dicembre -

Natale del Signore




Sabato 26 Dicembre - S. Stefano Protomartire
Domenica 27 Dicembre - S. Giovanni Apostolo            evangelista
Lunedì 28 Dicembre - Ss. Innocenti
Martedì  29 Dicembre - S. Tommaso Becket               vescovo e martire.
Mercoledì 30 Dicembre - S. Fulgenzío                        Vescovo.
Giovedì 31 Dicembre - S. Silvestro I Papa.


TE DEUM laudamus
SANTI nel mese di GENNAIO 2021
realizzato da PDP con WebSite X5 pro
CONTATTI
MENU
Piazza di Siena - 00197 ROMA
in prossimità di  Piazza di Siena
fa parte di:  La Casina di Raffaello
Cell  393 445 8444

MENU
Torna ai contenuti